Guide

Commissioni trading: cosa sono e varie tipologie

Commissioni trading
Commissioni trading

Fare trading online è possibile grazie all’utilizzo di specifiche piattaforme chiamate anche broker. Si tratta di società private nate con l’obiettivo di ottenere ovviamente dei profitti. Proprio la ricerca del profitto può essere considerato il motore di tutta l’economia e porta con sé oltre che innovazione anche servizi di ottima qualità. I Broker per ottenere profitti sono soliti applicare delle commissioni di trading ma in realtà è opportuno precisare che non sono tutti a farlo. Vi sono infatti broker per il trading online che non sono soliti applicare tali commissioni.

Commissioni trading online: le varie tipologie

Le commissioni di trading online non sono tutte le stesse ma al contrario possono essere di vario tipo. Tra queste meritano di essere citate le:

  • Commissioni legate all’apertura: queste vengono pagate dal trader nel momento in cui decide di aprire un conto di trading. Talvolta il costo è anche piuttosto elevato;
  • Commissioni per tenere il conto aperto: il trader che decide di aprire un conto presso un specifico Broker dovrà pagare una commissione per tenere tale conto aperto. Questa potrà essere mensile oppure potrà avere un’altra scadenza temporale;
  • Commissioni fisse sulle operazioni: ciò significa che in ogni operazione il trader dovrà andare a pagare una somma fissa;
  • Commissioni sull’eseguito: questa commissione viene pagata in percentuale su quello che è l’ammontare dell’intera operazione, ma soltanto se questa verrà eseguita a tutti gli effetti.

Potrebbe interessarti anche: Trend Follower: cos’è e quando viene utilizzata

Alla luce di quanto detto è possibile affermare che molto spesso, soprattutto facendo riferimento agli aspiranti trader, i profitti legati alla Trading vengono distrutti proprio dall’applicazione di tutte queste commissioni da parte dei broker. Ma sono tutti i broker che applicano delle commissioni? Se è questa la domanda che in questo momento vi state ponendo ecco che la risposta è no. Vi sono broker senza commissioni i quali guadagnano grazie alla differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita ovvero tramite lo spread. Questo è un modo per potere offrire ai clienti ottimi servizi e allo stesso tempo fare in modo che vengano attratti dal trading online.

Trading online a commissioni zero

Esistono alcuni specifici modi grazie ai quali poter fare trading online a commissioni zero. Il primo è quello legato all’utilizzo dei contratti per differenza, indicati anche con la sigla CFD. Si tratta di una forma di contratto derivato che ha come sottostante uno specifico asset il cui prezzo è legato al prezzo dello stesso asset. Il guadagno di un broker CFD è quello legato ad una differenza tra quello che è il prezzo di acquisto del contratto e quello a cui invece è possibile venderlo. E’ opportuno chiarire che non si fa riferimento all’acquisto o alla vendita di un asset ma di un contratto derivato che ha quindi lo stesso prezzo dell’asset sottostante. Un altro modo per fare trading online a commissioni zero è quello che prevede l’utilizzo delle opzioni binarie. Quando si parla di opzione binaria si fa di preciso riferimento ad un contratto derivato che ha come sottostante un asset quotato.

Leggi articolo precedente:
Trend Follower
Trend Follower: cos’è e quando viene utilizzata

Fare trading online non significa arricchirsi in maniera rapida. Al contrario affinché tale sistema di trading sia facilmente comprensibile e...

Chiudi