Guide

Fair Value Option

fair value optionCosì come nel classico mercato finanziario, anche nel trading online i trend e le operazioni sono in continuo cambiamento, in base a molti fattori. Gli esperti di trading online sanno perfettamente quanto sia assolutamente necessario rimanere sempre aggiornati e conoscere in modo approfondito tutti gli strumenti finanziari che fanno parte del mercato. Tra questi, parleremo oggi di fair value option.

Fair Value Option: valore dei beni finanziari

Con la definizione fair value option si intende il valore intrinseco di uno strumento finanziario. Andiamo per gradi e partiamo dal valore intrinseco. Il valore intrinseco è una delle componenti del valore di un’opzione, insieme al valore temporale. Conosciuto anche come “prezzo teorico”, il fair value è essenzialmente lo scopo primario delle valutazioni effettuate con l’analisi fondamentale. Quest’ultima, in particolare, si concentra sulle relazioni esistenti fra le grandezze economiche e sull’impatto che esse possono avere sui profitti. Detto ancora più chiaramente, l’analisi fondamentale deve verificare se la quotazione di un titolo è sovrastimata o sottostimata. A tale scopo, si effettua il confronto tra prezzo teorico (fair value) e la quotazione di mercato (valore effettivo). Il risultato di tale analisi è che se il valore di un titolo è sovrastimato, significa che il fair value è minore del prezzo di mercato. Al contrario, un valore sottostimato indica che il fair value è maggiore del prezzo di mercato.

Questo strumento finanziario trova la sua applicazione nei principi contabili internazionali ovvero Ias. Nel corso del tempo il termine Fair Value option è stato accostato a diversi significati tra cui:

  • valore corretto;
  • valore coerente o congruo;
  • valore non fuorviante;
  • valore neutrale o privo di distorsioni;
  • valore corrente o di mercato.

 

Sintetizzando il tutto possiamo dire che il fair value è un criterio di vedere il potenziale valore di un determinato elemento patrimoniale. Inoltre il fair value prendere in considerazione anche le sue condizioni di mercato e la sua valutazione.

Prima di entrare ancora di più nel dettaglio bisogna precisare che il Fair value option non potrà essere utilizzato per tutti gli elementi di mercato, infatti non è possibile usarlo in queste condizioni:

  • Un investimento in un ente di interesse controllata o variabile che sarà consolidato;
  • Attività finanziarie o locazioni finanziarie iscritte in leasing;
  • Strumenti finanziari che sono classificati come elementi del patrimonio netto;
  • Benefici postemployment;
  • Piani pensione.

Bisogna inoltre ricordare che quando si  vuole valutare un elemento patrimoniale al suo fair value netto, bisogna farlo direttamente su una base dello strumento preso in considerazione. Infatti una volta utilizzato il Fair value option su tale strumento il cambiamento è irrevocabile.

Tipi di valore delle opzioni nel trading online

Per quanto riguarda le opzioni, il fair value si riferisce al prezzo al quale, alla scadenza della transazione, acquirenti e venditori raggiungono il break-even, ovvero quando non realizzano profitti né subiscono perdite. Da sottolineare che nelle opzioni il valore intrinseco rappresenta solo una parte del prezzo dell’opzione stessa.

Come già accennato inizialmente in questa guida, la definizione di fair value option deriva da numerose interpretazioni del termine, emerse negli anni con lo studio degli investimenti finanziari e del trading online. Ad onor del vero, è importante menzionare tali interpretazioni per giungere ad una conclusione finale che chiarifichi il concetto di fair value e capire realmente come usarlo e dove usarlo principalmente nel trading online. Le interpretazioni in questione sono:

  • valore corretto
  • valore coerente o congruo
  • valore non fuorviante
  • valore neutrale o privo di distorsioni
  • valore corrente o di mercato

La conclusione è, infine, che il fair value esprime il potenziale valore di uno strumento finanziario, considerando sia le condizioni di mercato che le caratteristiche specifiche dell’elemento stesso.

A livello di regolamentazioni, il fair value è stato solo recentemente imposto dalla Comunità Europea. Nello specifico, è stata disposta l’adozione del criterio del fair value con la direttiva 2001/65/CE del 27.9.2001 e degli IAS col reg. (CE) n. 1606/2002 del 19.7.2002, modif. dal reg. (CE) n. 807/2004 del 6.4.2004. La direttiva impone che venga indicato il fair value per tutti gli strumenti finanziari (compresi i derivati). Inoltre esso trova anche la sua applicazione nei principi contabili internazionali ovvero: IAS 2: IAS 16; IAS 38;

Per approfondire meglio l’argomento sul fair value option è per imparare tutto quello che c’è da sapere sul trading online, consigliamo la registrazione su una delle piattaforme di intermediazione finanziaria presenti sul web che consentono di seguire e leggere moltissime guide sul trading online. Moltissimi brokers, infatti, mettono a disposizione dei propri utenti una grande quantità di materiale didattico, che comprende anche e-books e video tutorial da guardare gratuitamente. Tra le migliori piattaforme di trading online segnaliamo 24Option, un broker autorizzato e regolamentato, adatto sia agli investitori principianti che ai traders professionisti. Grazie alla sua piattaforma è possibile diventare dei veri e propri esperti del trading. Sul nostro sito potrete trovare notizie e recensioni per tutto ciò che riguarda il trading online.