Forex Trading

Medie Mobili Forex: cosa sono e diverse tipologie

Medie Mobili Forex
Medie Mobili Forex

Tra gli strumenti dell’analisi grafica molto apprezzati ed utilizzati dai trader vi troviamo le medie mobili. Uno strumento apprezzato soprattutto per la facilità di costruzione e per la grande semplicità di utilizzo. Queste altro non sono che strumenti finanziari, o più di preciso materiale da analisi tecnica, che sono in grado di adattarsi a qualsiasi tipologia o stile di trading. Ma cosa sono esattamente e come vengono utilizzate nel forex? Se siete alla ricerca di risposte potrete trovarle nel corso di tale articolo.

Cosa sono le medie mobili

Quando si parla di media mobile si fa esattamente riferimento a degli indicatori tecnici molto utilizzati nel mondo del trading forex ed anche nel trading azionario. Il vasto utilizzo è dovuto alla sua semplicità di uso ed anche a quella di visualizzazione. Ma cos’è esattamente? La media mobile è di preciso una linea che tende a sovrapporsi sul grafico del prezzo originale. In questo modo permette al trader di poter visualizzare nel miglior modo possibile quelli che vengono definiti ‘i punti caldi del cross’. Può quindi essere definita una linea in cui ogni diverso punto rappresenta quella che è la media che il prezzo è riuscito a far registrare in un tot. specifico di periodi precedenti.

Perché è definita mobile? La risposta è semplice. Questa linea si aggira di continuo e da al trader l’impressione che si muova lungo il grafico. Per questo motivo è quindi definita ‘mobile’. Le medie mobili rappresentano, come affermato poc’anzi, uno degli indicatori tecnici più utilizzati e allo stesso tempo anche amati.

Potrebbe interessarti anche: Plus500 WebTrader: cos’è e quali sono i vantaggi

Varie tipologie di medie mobili nel Forex

A questo punto, dopo avere chiarito a cosa si fa esattamente riferimento, è opportuno precisare che esistono tre tipi di media mobile. Ovvero

  • Semplice: questa è caratterizzata dal calcolo più facile ed immediato e allo stesso tempo viene anche definita la più attendibile. Come effettuare il calcolo? Semplice, basterà sommare i prezzi di chiusura di un numero “n” di giorni e proseguire poi dividendo il risultato per il numero dei giorni stessi;
  • Ponderata: questa supera il limite che invece è presentato dalla media mobile semplice. Come mai? Semplice, la risposta è che tiene in maggiore rilievo quelli che sono i valori recenti rispetto, invece, ai valori meno recenti. Coloro che si trovano a dover misurare la media mobile ponderata dovranno quindi dare più importanza ai valori recenti;
  • Esponenziale: anche in questo caso un maggiore peso viene dato ai prezzi più recenti. Per effettuare il calcolo il primo valore dovrà essere pari al valore calcolato con la media mobile semplice. Per ottenere poi altri valori occorrerà proseguire calcolando il coefficiente moltiplicativo che costituisce quella che è la base per la costruzione delle medie mobili in questione, ovvero quelle esponenziali.

Le medie mobili vengono quindi classificate in semplici, ponderate ed esponenziali a seconda di quello che è il modo utilizzato per essere calcolate.

Leggi articolo precedente:
Plus500 WebTrader
Plus500 WebTrader: cos’è e quali sono i vantaggi

Tutti coloro che entrano a far parte del grande mondo del trading online per prima cosa vanno alla ricerca di...

Chiudi