Guide

La strategia Carry Trade

 La strategia Carry TradeCome abbiamo già spiegato (e descritto), esistono numerose tecniche di trading forex e una delle più conosciute è la strategia Carry Trade. Esso è un metodo che viene utilizzato soprattutto da chi ha da investire un capitale molto grande e può generare buoni profitti, adatto quindi in primis alle istituzioni ma anche ai singoli traders con un capitale di fondo ampio.

La strategia Carry Trade: in cosa consiste e come si utilizza?

Su cosa si basa la tecnica del Carry Trade? Sostanzialmente alla base del metodo Carry Trade vi sono le differenze di tasso d’interesse tra due valute. Detto in parole più semplici, con il Carry Trade si prende in prestito un capitale in una valuta e lo si investe in un’altra valuta con un rendimento più alto.

Nel caso che l’operazione dovesse dare un riscontro positivo, quello che si andrà a guadagnare sarà esattamente la differenza tra il rendimento della valuta più alta e il costo iniziale di investimento.

Riguardo la coppia di valute, il tasso di interesse più debole viene chiamato, in ambito finanziario, “valuta di funding”. La “valuta Carry Trade” è invece quella con il tasso di interesse più forte..
Innanzitutto quando si decide di utilizzare la strategia Carry Trade, occorre avere sottomano il calendario economico, consultabile su molti brokers finanziari. Questa operazione è importante poiché ogni cambiamento di tasso d’interesse viene diffuso attraverso le news economiche.Non è consigliabile operare con il Carry Trade nel forex in un qualsiasi momento poiché, senza i dovuti calcoli del caso, potreste rischiare di chiudere una posizione generando un deficit e quindi andando in perdita. Utilizzare il Carry Trade nel trading online presuppone l’associazione di questa strategia agli indicatori di tendenza.

L’ideale è eseguire un ordine in un momento di stabilità, nel quale, in caso di vincita, potreste non guadagnare cifre esorbitanti, ma i rischi risultano in questo modo piuttosto contenuti. Altro fattore da considerare è la volatilità, nonché i costi dell’ordine applicati dalle piattaforme di intermediazione. Per quanto possa sembrare una strategia piuttosto semplice, il Carry Trade richiede grande esperienza, rapidità e disponibilità di un buon capitale.

Sviluppare una strategia Carry Trade nel Forex: qual è l’obbiettivo?

In termini di obbiettivi, chi opera con la strategia Carry Trade tende innanzitutto a generare profitto dal differenziale di un tasso d’interesse e in secondo luogo prova ad ottenere un guadagno dalla rivalutazione del capitale. Gli sviluppi di questa strategia, in riferimento al forex, possono essere tre:

  • Posizione negativa con conseguente riduzione del capitale, ma è possibile recuperare parte delle perdite guadagnando sulla differenza dei tassi di interesse
  • I prezzi oscillano, senza tuttavia muovere sensibilmente il mercato. In questo caso è possibile ottenere un profitto guadagnando la differenza sul tasso di interesse
  • Il trend va nella direzione prevista ed è quindi possibile guadagnare sia la vincita del trade, sia la differenza del tasso di interesse.

Facendo un piccolo e rapido esempio pratico quindi, si va a consultare prima il calendario economico dove estrapoleremo la valuta di faunding e quella e quella di Carry Trade,  in genere viene scelta come valuta di faunding lo Yen perché globalmente ha problemi di competitività nelle esportazioni ed essa è uno dei cavalli di battaglia dell’economia Giapponese. A causa di ciò, la banca centrale Giapponese adotta da anni una politica di mantenimento del tasso di interesse molto basso, tendente a 0 (0,1%). Come valuta di Carry Trade invece, bisogna utilizzare una valuta che possiede un tasso di interessa molto alto. L’euro è tra le valute più utilizzate per rappresentare la Carry Trade dato il suo tasso di interesse del 4%.

Quali sono le precauzioni da prendere prima di procedere con questa strategia?

Una delle principale precauzioni che devono essere prese prima di procedere con questa strategia è quella di verificare in maniera molto attenta gli spread praticati dai broker. Se non si vuole che il guadagno sia diminuito o addirittura fagocitato dagli spread fatturati sulla vostra operazione finanziaria, bisogna procedere con un investimento significativo.
Oltre quindi a disporre di una somma di denaro da investire molto importante, il Trader deve stare molto attento ai livelli di volatilità e alle spese che applicano i broker finanziari. Inoltre, si raccomanda al Trader, di effettuare le operazioni di Carry Trade più velocemente possibile dato che le tendenze sono in continuo mutamento e si rischiano forti perdite, ma se lo si utilizza nelle direzioni della tendenza, i guadagni tenderanno ad aumentare di molto.

Conclusioni

Quello appena descritto sembrerebbe uno scenario invitante e poco rischioso, e in effetti lo era, prima della crisi economica. Tuttavia, da qualche anno a questa parte, a causa della crisi finanziaria, le Banche Centrali si sono viste costrette ad abbattere sensibilmente i tassi d’interesse, generando un calo consistente delle operazioni Carry Trade. Solo nell’ultimo periodo qualcosa sta cambiando ed è probabile che nel prossimo futuro tale strategia torni a toccare picchi importanti.

Per approfondire la strategia Carry Trade e le altre numerose strategie finanziarie, è importante e consigliato che partecipiate a corsi formativi di trading online o che studiate i volumi didattici che i broker finanziari mettono a disposizione degli investitori sulla propria piattaforma. Questo materiale come sappiamo è totalmente gratis per tutti coloro che frequentano tale piattaforma, e ciò è stato fornito in questo modo a tutti i clienti perché l’esperienza è la prima strategia in assoluto per diventare trader di successo e guadagnare con il forex. Tutto questo sarà anche possibile grazie al nostro sito web che mette a disposizione numerose guide e strategie da studiare, così da diventare dei veri e proprio esperti del trading online.